"...nonostante tutto
...continuo a credere
nell'intima bont&eagrave; dell'uomo"

Anna Frank

PATTO DI INTEGRITA’

Poiché l’acquisizione di beni e servizi deve rispondere alle esigenze obiettive, la determinazione

dell’oggetto dell’affidamento deve avvenire in modo da evitare che vengano poste in essere attività

finalizzate ad avvantaggiare alcuni dei partecipanti alla procedura di affidamento. Nella

determinazione dell’oggetto del contratto da affidare, le competenti funzioni sono obbligate ad

adottare criteri il più possibile oggettivi, standardizzati, predeterminati e, comunque legati alle

effettive esigenze delle Istituzioni scolastiche.

Ciò premesso, una specifica misura in materia di “Affidamento di lavori, servizi e forniture” è la

previsione di appositi patti d’integrità per l’affidamento di commesse. Negli avvisi, bandi di gara

e/o lettere di invito dovrà essere esplicitata una apposita clausola di salvaguardia in base alla quale

il mancato rispetto del patto di integrità dia luogo all’esclusione dalla gara e alla risoluzione del

contratto.

Tali patti d’integrità prevedono per i partecipanti alla gara di conformare i propri comportamenti ai

principi di lealtà, trasparenza e correttezza, nonché l’espresso impegno al rispetto delle regole di

prevenzione della corruzione, ovvero di non offrire, accettare o richiedere somme di denaro o

qualsiasi altra ricompensa, vantaggio o beneficio, sia direttamente che indirettamente, al fine

dell’assegnazione del contratto e/o al fine di distorcerne la relativa corretta esecuzione della gara

stessa.

I patti di integrità sono uno strumento utile per contrastare la collusione e la corruzione nei contratti

pubblici in cui la parte pubblica si impegna alla trasparenza e correttezza per il contrasto alla

corruzione e il privato al rispetto di obblighi di comportamento lecito ed integro improntato a lealtà

correttezza, sia nei confronti della parte pubblica che nei confronti degli altri operatori privati 

coinvolti nella selezione. I patti, infatti, non si limitano ad esplicitare e chiarire i principi e le

disposizioni del Codice degli appalti ma specificano obblighi ulteriori di correttezza. L’obiettivo di

questo strumento, infatti, è il coinvolgimento degli operatori economici per garantire l’integrità in

ogni fase della gestione del contratto pubblico.